Itinerari da percorrere a piedi, sulle “due ruote” e a cavallo. Spettacoli e animazione teatrale all’aperto, lungo i sentieri e nel suggestivo borgo collinare di Castelnuovo d’Elsa. Mercato gastronomico, giochi e laboratori. Da venerdì 30 settembre a domenica 2 ottobre si svolgerà a Castelfiorentino (FI) “La via Francigena in Valdelsa, tra sogno e leggenda”, manifestazione per rivisitare l’antico tracciato percorso dai pellegrini nel Medioevo e immergersi in una magica atmosfera d’altri tempi. Un evento che a Castelfiorentino non ha mai registrato interruzioni (neppure per l’emergenza Covid, considerato che la maggioranza delle iniziative si tiene all’aperto) e che per questo 2022 si presenta con un programma ancora più ricco e diversificato, “accessibile” e aperto come sempre alle novità.
Il programma della manifestazione è stato presentato questa mattina a Firenze, nella sala Pegaso del Palazzo Strozzi Sacrati, dal Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, dal Sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni, dal Vicesindaco Claudia Centi, dal dirigente scolastico dell’Istituto “F. Enriques” Barbara Degl’Innocenti. Erano presenti anche Sara’S Florence (Art Influencer), alcuni rappresentanti delle associazioni che hanno collaborato alla predisposizione del programma, e infine gli studenti dell’Enriques coadiuvati dalla prof.ssa Concetta Manzo, che hanno illustrato la realizzazione di due prodotti del “cibo del pellegrino”.
Fra le novità di quest’anno sono da segnalare: i “Poeti sulla Francigena” (sabato 1 ottobre) serata poetico-musicale con degustazione al Castello di Coiano (con la partecipazione straordinaria di Massimiliano Bardotti, Paolo Parrini e Annalisa Ciampalini) e il “cibo del pellegrino” (“morsello” e “bordone”), preparato dagli studenti dell’Alberghiero dell’Enriques per il mercato gastronomico (sabato 1 e domenica 2). Da giovedì 29 settembre, inoltre, si svolgerà uno specifico programma didattico rivolto agli studenti delle superiori e dell’Istituto Comprensivo, finalizzato a far conoscere attraverso itinerari ad hoc la centralità di Castelfiorentino come anello di congiunzione tra la “via Francigena” e la “Via del Sale”, nonché (da venerdì) alcune escursioni mirate intorno al tema dell’”accessibilità”, allietate nella giornata di domenica anche da esilaranti performances teatrali.
Le escursioni trekking “sulle tracce di Sigerico” avranno luogo sia nella giornata di sabato 1 che di domenica 2 ottobre, attraverso un corposo programma, alternando itinerari con soste e degustazioni lungo il tracciato, percorsi al tramonto, animazione teatrale. Nei sentieri sarà possibile imbattersi nei “sassi del buon cammino”, pietre decorate che gli escursionisti potranno raccogliere per ricordo oppure portarle con sé e magari depositarle più avanti (in un altro luogo del percorso) come messaggio di augurio e di pace. Ci sarà l’opportunità di percorrere la Francigena anche con una e-bike, bicicletta dotata di pedalata assistita (domenica 2 ottobre), di attraversarla a cavallo, e infine di assistere a una serie di spettacoli teatrali all’interno del borgo di Castelnuovo d’Elsa: venerdì 30 settembre con “Castellofobia. Dove la paura attraversa la francigena”, miscela inquietante di angoscia, smarrimento e situazioni da brivido vissute dai pellegrini nel passato; sabato 1 ottobre con la “Notte teatrale”, percorso articolato su cinque postazioni ambientate in epoca medioevale, con oltre ottanta tra attori e figuranti; domenica 2 ottobre con “Un borgo in festa”, dove il mercato gastronomico (aperto già dal sabato pomeriggio) darà vita anche a una “mensa medioevale”, stand didattico con dimostrazioni dal vivo dedicate all’alimentazione dell’epoca, alla presenza di figuranti in costume. Infine, sia sabato sera che domenica a pranzo, possibilità di sosta alla “mensa del pellegrino” (menù fisso a 18 euro).
“Rendere omaggio alla via Francigena come avviene con  questo evento organizzato dal Comune di Castelfiorentino – ha detto il Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani – significa rendere omaggio  a una via maestra percorsa per secoli da migliaia di pellegrini in viaggio per Roma, che ha svolto un ruolo fondamentale nella costruzione dell’identità europea perché ha messo in relazione tra loro religioni, culture, abitudini, linguaggi ed economie locali. Il cammino è sinonimo di ricerca e di incontro e fa parte della storia dell’uomo. E’ sempre una festa dunque celebrare la via Francigena perché è come celebrare una parte della civiltà umana e dell suo lungo percorso, ma anche una parte dell’essenza umana, una delle più profonde”.
 “La riscoperta della Via Francigena – osserva il Sindaco, Alessio Falorni – è da sempre un evento ricorrente nel nostro territorio, ponendo Castelfiorentino come uno dei comuni “pioneri” nella valorizzazione di questo tracciato. Negli ultimi anni ha assunto anche le caratteristiche di un vero e proprio festival, grazie agli spettacoli teatrali, alle innumerevoli iniziative di animazione lungo il percorso, al mercato, alle novità che sul versante degli eventi conferiscono a questa manifestazione una veste dinamica e diversificata, rinnovata a ogni edizione, aperta a tutte le età, dagli escursionisti alle famiglie con i bambini. Per questo, desidero ringraziare tutti coloro che, a vario titolo, sono impegnati nell’organizzazione del festival, dal personale comunale – in particolare i “Servizi al cittadino” – la Proloco, l’Ente Cambiano, la sezioni soci Coop, l’Istituto “F. Enriques” e le associazioni che da sempre collaborano alla predisposizione del programma”.
Si ricorda che per raggiungere il borgo collinare di Castelnuovo d’Elsa sarà a disposizione il sabato pomeriggio (dalle 16.00) e la domenica (dalle ore 11.00) anche un servizio navetta gratuito con partenza da Castelfiorentino (piazza Berlinguer)
La manifestazione “Via Francigena in Valdelsa” è promossa dal Comune di Castelfiorentino con il contributo dell’Ente Cambiano S.c.p.A. e della sezione Soci Coop di Castelfiorentino, ed è patrocinata dall’AEVF (Associazione Europea delle Vie Francigene), della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze, dell’Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa, e di diciassette Comuni della Toscana centrale.
Hanno collaborato le seguenti associazioni: Proloco Castelfiorentino, Associazione Culturale Teatrale GAT, Compagnia Trivia APS, TeatroCastello, Associazione Sguardo e Sogno, Toscana Hiking Experience, Associazione culturale Cetra, Associazione “Senza Barriere” onlus, Associazione “Comunità Castellana per il Ciclismo Popolare”, Toscana By Bike, ASD Cicli Zapier Pontedera, Castello di Coiano, Stefania Calugi Tartufi, Associazione Agricoltori Castelfiorentino, Associazione “Cavalieri della Valdelsa”, Circolo Arci e Comitato festaiolo Castelnuovo d’Elsa, Gruppo Fotografico “Giglio Rosso”, Istituto Comprensivo, Istituto “F. Enriques”, Prociv Arci, Rav, Misericordia Castelfiorentino.
Per informazioni: www.comune.castelfiorentino.fi.it e www.visitcastelfiorentino.it, la pagina FB e di Instagram del Comune di Castelfiorentino dove è possibile scaricare il programma completo.